A volte, quando si ha intenzione di lavorare per la pace nel mondo, uno pensa: ma io, cosa posso fare? In realtà, puoi fare tanto.
Ogni gesto che ciascuno di noi fa, può contagiare altre persone.
"Living Peace" è un’ispirazione potente per me. E lo può diventare per tante altre persone.

L’importante è questo: alla fine le cose cambiano perché le persone sono cambiate. E sono le esperienze che ci fanno cambiare.

Un pezzo di pizza

40883475N00 4817939629 by HanumannIl dado della Pace ci aiuta tantissimo ad amarci l'un l'altro. Dopo più di un mese a praticare le sue regole ho imparato ad amare di più i miei compagni di classe,
a perdonarli se hanno fatto qualcosa di male e ad amare per primo senza aspettare che mi amino. Il dado mi fa sentire felice e condividere quello che ho.
Oggi durante la ricreazione ho condiviso una fetta di pizza con uno dei miei amici, ma anche l'acqua e le patatine fritte. Dopo un po’ ho avuto alcuni problemi con qualcuno durante la lezione in classe, ma quando abbiamo ricordato la regola del giorno abbiamo chiesto di uscire dalla classe per risolvere questo problema tra noi; dopo siamo tornati alla lezione molto felici di essere ancora amici.

Youssef, 11 anni - Egitto

Photo by Hanumann (Creative Commons License CC by)

nromagna 4100539203 by Nicola Romagna 2Andavo per la strada e ho incrociato una signora con molte borse, ad un certo momento una di queste è caduta dalle sue mani ed io l’ho aiutata e l'ho accompagnata fino a casa sua portando alcune borse. Sono anche entrata in casa e l’ho aiutata a mettere tutta la spesa a posto. Il giorno dopo ci siamo incrociate di nuovo e lei mi ha regalato un dolce.

Enrica, 14 anni - Argentina

Photo by Nicola Romagna (Creative Commons License CC by)

Sono andata a danza

oudeschool 298121432 by nc Peter VoermanLa scorsa settimana quando sono andata a danza, ho ballato insieme alla mia amica Dasha, ma mentre ballavo lei mi ha fatto inciampare e sono caduta. Quando mi sono alzata ero davvero arrabbiata con lei e tutti ridevano, lei compresa!
Così ho finito per litigare con lei e non abbiamo più parlato per tutta la lezione.
Due giorni dopo il nostro insegnante di inglese ci ha parlato del Dado della Pace che quel giorno ci chiedeva di “saper perdonarci reciprocamente”. Quando sono tornata a casa e dopo aver finito i compiti, mia madre mi ha portato al parco giochi. Mentre ero lì, ho visto da lontano che Dasha era caduta dalla bicicletta ed era per terra.
Anche se ero molto arrabbiata con lei mi sono ricordata del Dado della Pace e sono andata ad aiutarla. Lei era davvero sorpresa di vedermi. Dopo che l’ho aiutata ad alzarsi, le ho detto che io l’avevo perdonata e siamo tornate ad essere amiche.

Elenia, 12 anni - Malta

Photo by Peter Voerman (Creative Commons License CC by)

Sapere perdonarci

dorai 3599962205 by nc dororaiDa molti anni, ogni volta che trovavo Jack a scuola incominciavamo a litigare. Tutto era iniziato 3 anni prima quando lui aveva incominciato a chiamarmi con brutti soprannomi.
Abbiamo litigato per cosi tanto tempo che quasi non mi ricordavo più che molto tempo prima eravamo amici. Un dì, in classe la regola del giorno era “sapere perdonarci” e ho sentito che forse era la buona occasione per cambiare attitudine al suo riguardo!
Da allora ogni volta che lo vedevo cercavo di scusarmi, ma lui non mi dava la possibilità di spiegarli la mia intenzione di riconciliazione.

Una camminata in montagna

canaiquen 2359224654 by Canai QuenIn quel periodo avevamo deciso d’impegnarci a vivere la frase “ascoltare l’altro”, in particolare chi era un po’ "più difficile". Ho avuto l’occasione di fare un’uscita didattica con una classe in montagna e la proposta includeva una camminata.
Uno degli studenti ha cominciato a lamentarsi dal momento della partenza in quanto avrebbe dovuto portare il suo zaino pesante e la sua giacca che lo infastidiva. La mia prima reazione è stata di sfuggirgli e lasciarlo solo con le sue lamentele. Poi mi sono ricordato della nostra
scommessa, quella di amare l’altro, soprattutto chi era "più difficile", e ho iniziato a camminare al suo fianco, disposto ad ascoltare i suoi brontolamenti, ma anche a fargli vedere quel momento con uno sguardo positivo.

Claudio (Insegnante) - Argentina

Photo by Canai Quen (Creative Commons License CC by)

"Ascoltare l'altra persona"

thinkglobalschool 9516512942 by nc nd THINK Global SchoolLa regola "ascoltare l'altra persona" mi ha fatto ascoltare di più i miei amici quando soffrono.
Un giorno ho avuto una discussione con un mio amico e questa regola mi ha fatto ascoltare la sua versione della storia fino in fondo. Un altro giorno durante l’intervallo quando ho notato che un amico sembrava triste, sono andato da lui e abbiamo parlato delle ragioni che lo facevano stare così male. Ho cercato di ascoltarlo e di aiutarlo. In questo modo l’ho sollevato.

Mattew, 15 anni - USA

Photo by THINK Global School (Creative Commons License CC by-nc-nd)

Ascoltare

visualities 3064085536 by nc 3domQuesto dado mi piace così tanto. È molto bello e mi aiuta ad ascoltare tutti i miei maestri e la mia mamma.
Da quando cerco di vivere le regole del Dado della Pace a scuola e a casa mia, la mamma è molto felice. Qualche giorno fa mi ha dato alcuni dolci come regalo perché ha detto che ora io l’ascolto con più attenzione.

Faiza, 10 anni - Nepal

Photo by 3dom (Creative Commons License CC by)

promotori del progetto

AMU Azione per un mondo unito
New Humanity per un mondo unito
teens4unity Ragazzi per l’unità

login staff

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.